Influenzanet is a system to monitor the activity of influenza-like-illness (ILI) with the aid of volunteers via the internet

http://www.influenzanet.eu/

Epiwork Logo
Developing the framework for an epidemic forecast infrastructure.
http://www.epiwork.eu/

The Seventh Framework Programme (FP7) bundles all research-related EU initiatives.

7th Framework Logo
Participating countries and volunteers:

The Netherlands 0
Belgium 0
Portugal 858
Italy 4714
Great Britain 4061
Sweden 3559
Germany 0
Austria 0
Switzerland 1256
France 4968
Spain 0
Ireland 351
Denmark 2956
InfluenzaNet is a system to monitor the activity of influenza-like-illness (ILI) with the aid of volunteers via the internet. It has been operational in The Netherlands and Belgium (since 2003), Portugal (since 2005) and Italy (since 2008), and the current objective is to implement InfluenzaNet in more European countries.

In contrast with the traditional system of sentinel networks of mainly primary care physicians coordinated by the European Influenza Surveillance Scheme (EISS), InfluenzaNet obtains its data directly from the population. This creates a fast and flexible monitoring system whose uniformity allows for direct comparison of ILI rates between countries.

Any resident of a country where InfluenzaNet is implemented can participate by completing an online application form, which contains various medical, geographic and behavioural questions. Participants are reminded weekly to report any symptoms they have experienced since their last visit. The incidence of ILI is determined on the basis of a uniform case definition.

Hide this information

Il virus dell'Influenza

I virus influenzali appartengono al genere Orthomyxovirus della famiglia Orthomyxoviridae. Il virus Influenza è costituito da una particella virale di forma sferica-ovoidale, con un diametro di circa 110 nanometri (un nanometro equivale a un milionesimo di millimetro) e un nucleo centrale di circa 70 nanometri. La superficie è rivestita da un involucro, caratterizzato da due tipi di glicoproteine: l'emoagglutinina (H) e la neuraminidasi (N). L'emoagglutinina è la proteina che permette al virus di avere accesso all'interno delle cellule dell'ospite, dove poi si moltiplica. La neuraminidase permette ai virus formatisi all'interno della cellula di infettare nuove cellule.

I virus influenzali si dividono in tre diversi tipi: tipo A, tipo B e tipo C in base alle caratteristiche antigeniche (ovvero delle loro proteine di superficie). Il virus di tipo A è il principale patogeno umano, associato a epidemie e pandemie. Il virus B causa generalmente malattia meno grave del virus di tipo A. Il virus dell'influenza C infetta solo l'uomo, è geneticamente stabile e poco patogeno.

Il tipo A è essenzialmente un virus aviario, che si adatta occasionalmente all'uomo e può causare l'insorgere delle pandemie (ovvero epidemie che si diffondono su scala mondiale). I virus B e C infettano solo gli esseri umani: il virus B è responsabile per l'insorgenza di piccole epidemie su scala locale (ad esempio, nella popolazione scolastica). Il tipo C causa una patologia molto leggera per questo motivo è molto meno studiato.