Influenzanet is a system to monitor the activity of influenza-like-illness (ILI) with the aid of volunteers via the internet

http://www.influenzanet.eu/

Epiwork Logo
Developing the framework for an epidemic forecast infrastructure.
http://www.epiwork.eu/

The Seventh Framework Programme (FP7) bundles all research-related EU initiatives.

7th Framework Logo
Participating countries and volunteers:

The Netherlands 0
Belgium 0
Portugal 858
Italy 4714
Great Britain 4061
Sweden 3559
Germany 0
Austria 0
Switzerland 1256
France 4968
Spain 0
Ireland 351
Denmark 2956
InfluenzaNet is a system to monitor the activity of influenza-like-illness (ILI) with the aid of volunteers via the internet. It has been operational in The Netherlands and Belgium (since 2003), Portugal (since 2005) and Italy (since 2008), and the current objective is to implement InfluenzaNet in more European countries.

In contrast with the traditional system of sentinel networks of mainly primary care physicians coordinated by the European Influenza Surveillance Scheme (EISS), InfluenzaNet obtains its data directly from the population. This creates a fast and flexible monitoring system whose uniformity allows for direct comparison of ILI rates between countries.

Any resident of a country where InfluenzaNet is implemented can participate by completing an online application form, which contains various medical, geographic and behavioural questions. Participants are reminded weekly to report any symptoms they have experienced since their last visit. The incidence of ILI is determined on the basis of a uniform case definition.

Hide this information

Sai come prevenire l'influenza?

La vaccinazione annuale è la principale forma di prevenzione contro l'influenza stagionale. È anche il modo migliore di ridurre l'impatto di un'epidemia. I vaccini antinfluenzali esistono e vengono usati da più di sessant'anni. Sono sicuri, efficaci nel ridurre non solo l'incidenza della malattia, ma anche la gravità e la mortalità tra gli anziani e i malati cronici.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), devono vaccinarsi - preferibilmente in Ottobre - le persone di età pari o superiore ai 65 anni, i soggetti a rischio di complicazioni (malati cronici o soggetti immunocompromessi) e le persone che possono infettare i soggetti a rischio (medici o infermieri). Esistono anche individui per i quali la vaccinazione è sconsigliata, ad esempio soggetti allergici.

Per maggiori informazioni, si consiglia di consultare la pagina  del Ministero della Salute dedicata a questo argomento.

Esistono molti semplici accorgimenti quotidiani che possono essere insegnati ai più giovani e che possono aiutare a proteggersi e a proteggere gli altri dal contagio:

a) Lavarsi bene le mani! Secondo uno studio americano, una mano non pulita può infettare potenzialmente 180 persone in 24 ore! In questo numero sono inclusi diversi tipi di infezioni, come raffreddore, influenza e diarrea, infezioni della pelle ed altre meno comuni. Secondo lo stesso studio, gli studenti che prestano maggiore attenzione all'igiene risultano essere quelli che fanno meno assenze a scuola.

b) Mettere una mano davanti alla bocca e al naso quando si tossisce o si starnutisce o usare un fazzoletto di carta per coprire naso e bocca onde evitare di contagiare gli altri.

c) Evitare di toccarsi occhi, naso e bocca - i germi infatti si trasmettono quando un individuo viene in contatto con un soggetto contaminato e poi con le mani si tocca occhi, naso e bocca

d) Evitare la stretta vicinanza con soggetti infetti.

e) Se possibile, rimanere a casa quando si è ammalati per evitare di contagiare gli altri.